Grandi Temi

175952671-1424e580-56e7-4d27-8d5e-af8640b39732Alla vigilia dell'anniversario dell'annessione della Crimea da parte della Russia, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato in un'intervista trasmessa ieri alla tv di Stato che l'anno scorso, durante le tensioni sulla Crimea e sulla destituzione del presidente ucraino Viktor Ianukivic, la Russia era pronta a dare l'allerta nucleare. Putin ha infatti rivelato che la Crimea era stata trasformata in una fortezza con oltre 40 sistemi missilisti s-300 e una ventina di batterie mobili, insieme ad altre armi pesanti.

Ucraina.TreguaarischioCome da accordi siglati il 4 Dicembre, nella giornata di ieri è iniziato il "cessate il fuoco" tra esercito ucraino e separatisti filorussi. Si sono così fermati gli scontri che sconvolgono l'est dell'Ucraina. Il presidente Ucraino Petro Poroshenko ha ufficializzato l'entrata in vigore della tregua con i separatisti : "Abbiamo proclamato un nuovo cessate il fuoco. Non abbiamo avuto un solo sparo, non abbiamo alcun soldato ucciso". Dopo l'entrata in vigore del cessate il fuoco l'Uraina ha iniziato a ricevere le prime forniture di gas russo, dopo che erano state interrotte a giugno, con lo scoppio del conflitto. Come reso noto dall'operatore pubblico dei gasdotti ucraini Ukrtransgaz: "A partire da martedì, la società Uktransgaz ha cominciato a ricevere gas naturale proveniente dalla Federazione russa". Sono invece ancora da rinviarsi a data da destinare i negoziati di pace tra le parti in conflitto nell'est del Paese.

G7Il presidente ucraino ad interim Turcinov ha chiuso parzialmente i confini orientali con la Russia per difendersi dall'arrivo di armi e di militanti nelle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk lasciando la Russia indignata: il portavoce del ministero degli esteri russo ha definito l'azione come qualcosa di "offensivo e inaccettabile". Il Cremlino è stato anche indispettito da quanto affermato durante il G7 tenutosi a Bruxelles: "L'annessione illegale della Crimea e le azioni di destabilizzazione dell'est dell'Ucraina sono inaccettabili e devono cessare". Se ciò non dovesse accadere, i G7 inaspriranno le sanzioni contro Mosca e ne metteranno in atto di supplementari.

Pagina 1 di 4