Grandi Temi

Iniziate le operazioni di sgombero nel campo profughi di Calais


calaisHanno avuto inizio ieri mattina le operazioni per liberare la "giungla" di Calais, enorme campo profughi nel nord della Francia. Lo sgombero durerà almeno una settimana, dato l'elevato numero di persone presenti, che attualmente si aggira attorno a 7.000. Gli evacuati verranno trasferiti in diversi comuni sul territorio francese, ma si tratta solo di una misura momentanea. Molti dei migranti attualmente presenti a Calais, infatti, non vogliono rimanere in Francia. La loro permanenza sulla costa settentrionale è dovuta al tentativo di attraversare la manica per raggiungere il Regno Unito. I motivi della traversata sono molteplici e i mezzi con cui ci provano spesso pericolosi, come salire di nascosto sui tir diretti verso il porto, o pagare ingenti somme di denaro ai trafficanti di persone. Secondo quanto dichiarato da Medici senza frontiere – che fornisce aiuto nel campo di Calais da ormai diversi anni – lo sgombero, seppure inevitabile, non risolverà la situazione. Decine di persone tenteranno un rifugio di emergenza e i migliaia di minori non accompagnati avranno bisogno di controlli specifici.

FONTE


Ragazza morta per aborto spontaneo: secondo il ministero non c'è obiezione di coscienza


valentina«L'abbiamo sentito tutti. Il dottore mi ha detto che finché c'era il battito non poteva intervenire». Queste le parole del marito di Valentina, la ragazza di 32 anni morta in ospedale dopo un aborto spontaneo. «Sono obiettore di coscienza» avrebbe dichiarato il medico, che però nega tutto. Eppure, nella giornata di ieri, gli ispettori del Ministero della Salute hanno presentato la relazione conclusiva della loro indagine al ministro Lorenzin. Nella rapporto, si legge che Valentina Miluzzo ha ricevuto un trattamento adeguato alle condizioni di rischio in cui verteva al momento del ricovero. La donna, che era ricoverata da due settimane al quinto mese di gravidanza, ha subito un aborto spontaneo di due gemelli avuti con fecondazione assistita. "Non si evidenziano elementi correlabili all'obiezione di coscienza" si legge nella relazione. Intanto il marito della vittima non si arrende e ha affermato che i suoi legali stanno cercando di contattare i testimoni presenti al momento della dichiarazione del medico.


FONTE


Lituania: vince le elezioni il Partito centrista dei Verdi


lituaniaL'unione Lituana dei Contadini e dei Verdi ha vinto le elezioni parlamentari in Lituania dopo il secondo turno di ballottaggio. Il partito centrista ha ottenuto il 40% delle preferenze, battendo il partito conservatore di Unione per la Patria, arrivato secondo. Tra le proposte del programma dei verdi c'è soprattutto un maggior interesse nell'incentivare gli investimenti degli aziende estere nel territorio lituano. Sono inoltre presenti numerosi provvedimenti per tentare di ridurre l'emigrazione dei cittadini verso altri Paesi. Negli ultimi anni, infatti, la Lituania ha registrato un notevole decremento della popolazione. Proprio a causa di questa recessione, il partito socialdemocratico, attualmente al governo, è arrivato terzo alle elezioni, restando escluso anche dal turno di ballottaggio. L'unione dei Contadini e dei Verdi, invece, che è risultato vincente, aveva ottenuto alle scorse elezioni solo un unico seggio di deputati in Parlamento!


FONTE


Omicidio di Guerrina Piscaglia: condanna di 27 anni per il parroco africano


guerrinaGratien Alabi, da tutti conosciuto come padre Graziano, avrebbe ucciso e occultato il cadavere di Guerrina Piscaglia. Questo è quanto emerge dalla sentenza pronunciata ieri dalla corte d'Assise del tribunale di Arezzo, in cui padre Graziano è stato condannato a 27 anni di carcere. La donna, sposata e con un figlio di 24 anni, è scomparsa il 1 Maggio 2014 dal comune di Ca'Raffaello, sull'appenino aretino, al confine tra Emilia Romagna e Marche. Dalle indagini, iniziate poco tempo dopo la scomparsa della donna, è subito emerso un rapporto di consolidata confidenza tra il parroco e la donna. Secondo l'accusa, i due erano amanti. A consolidare l'ipotesi, un tabulato di oltre 4.000 messaggi scambiati tra i due, oltre a diverse dichiarazioni o menzogne rilasciate dal parroco durante gli interrogatori. Al momento il corpo di Guerrina non è mai stato ritrovato. Il parroco, presente in aula al momento della sentenza, è rimasto impietrito. Dall'inizio delle indagini si è sempre proclamato innocente.


FONTE


Alla Camera la proposta dei 5 stelle per dimezzare lo stipendio dei parlamentari


m5sViene presentata oggi la proposta del Movimento 5 stelle per il dimezzamento delle indennità parlamentari. Il leader del movimento, Beppe Grillo, non ha voluto rilasciare dichiarazioni prima della presentazione della proposta alla Camera. «Con l'approvazione della nostra proposta – si legge invece in una nota dei deputati 5 stelle – si farebbero risparmiare circa 87 milioni di euro ai cittadini italiani. I parlamentari hanno una grande occasione: facciano come noi e dimostrino che hanno a cuore gli interessi degli italiani». Luigi Di Maio si schiera invece contro il Pd, intenzionato a dire votare no alla proposta: "Noi guadagniamo 3.000 euro al mese e rendicontiamo tutti i rimborsi" scrive in un post facebook rivolto al premier Matteo Renzi "lui prende più di 5.000 euro e non sappiamo quante cose si fa rimborsare". Se la proposta verrà bocciata, concludono i rappresentati del movimento, o rimandata in commissione, «avremo solo l'ennesima conferma del loro disinteresse nei confronti dello Stato».


FONTE

Articolo a cura di Francesco Castelli

 

Com'è andato l'Europeo di basket per l'Italia?

12033542 10206878736679545 1039997582 nStando al piazzamento, non possiamo lamentarci: siamo arrivati 5° a pari merito con la Grecia. Davanti a noi si sono posizionate solo Francia, Serbia, Spagna e Lituania. Un risultato discreto quindi, ma non in linea con le aspettative e dal sapore agrodolce - visto come è maturato. L'avventura europea inizia doppiamente in salita per gli Azzurri: Italia sorteggiata nel girone "della Morte" e brutta sconfitta all'esordio contro la Turchia, una delle squadre più abbordabili - almeno sulla carta. Le altre sfidanti sono nell'ordine Islanda, Spagna, Germania e Serbia. Le prime quattro procedono agli ottavi, le ultime due tornano a casa senza la chance di qualificarsi alle Olimpiadi di Rio 2016. La seconda partita è già una finale: se si perde, addio sogni di gloria. L'encomiabile Islanda ci dà filo da torcere e riusciamo a strappare la una vittoria solo al termine di un calvario cestistico decisamente inaspettato. Le due brutte prestazioni consecutive scatenano dubbi agghiaccianti: ma questa non doveva essere la nazionale più forte di tutti i tempi? Com'è che fatichiamo anche contro una squadra con un bacino che è un duecentesimo del nostro? Come se non bastasse, capitan Datome si infortuna (e il suo europeo finisce qui) e anche Marco Belinelli sembra destinato a saltare l'incontro successivo per una brutta botta. È il panico. I tifosi più pessimisti aspettano la partita contro la Spagna come una sentenza capitale: la compagine iberica viene vista come una delle principali candidate al titolo finale. Qualcuno fa notare che in fondo gli anni passano per tutti e nemmeno i sudditi di Rey Felipe possono dominare per sempre i parquet europei, ma nessuno osa parlare ad alta voce di vittoria. Alla fine Belinelli viene schierato.

E l'Italia fa il miracolo.
Spagnoli domati attraverso un terzo quarto maestoso, Italia che sembra finalmente girare bene e una difesa -grande problema della nostra nazionale- che per la prima volta vale il prezzo del biglietto grazie all'impegno dei 12019350 10206877967500316 535945835 osingoli. La partita verrà rievocata a lungo negli anni a venire, ma non c'è nemmeno il tempo per festeggiarla degnamente: la sera successiva si gioca e per passare il turno serve almeno un'altra vittoria. Le prossime portate del menù appaiono abbastanza indigeste: la Germania padrona di casa (le partite si sarebbero dovute giocare in Ucraina ma il conflitto in Crimea ha spinto la FIBA a sparpagliare gli incontri fra Germania, Francia, Croazia e Lettonia) e la corazzata Serba, ancora imbattuta. I tedeschi non navigano in acque migliori delle nostre: sono reduci dalla vittoria-standard con l'Islanda e due sconfitte (Turchia e Serbia) quindi la partita ha l'aria di uno spareggio. In campo, l'Italia sembra più decisa a vincere ma il giovane play Schröeder è inarrestabile e sevizia il nostro canestro senza pietà. Il match rimane in equilibrio -nuocendo gravemente ai muscoli cardiaci da ambo i lati delle Alpi- e i tempi regolamentari si chiudono sul 76-76 solo grazie ad una magia finale di Gallinari costata 15 anni di vita alla tifoseria azzurra. Overtime.
Ci piacerebbe dire che almeno i supplementari non hanno causato scompensi pressori a chi era attaccato al televisore, ma ovviamente non è stato così. Parità fino a 45 secondi dalla sirena, quando Gallinari decide di spiegare nuovamente perchè l'anno prossimo riceverà uno stipendio di 14 milioni di dollari. I tedeschi non riescono più a riprendersi e il punteggio finale immortala uno scarto (89-82) che non rende il giusto onore ai nostri avversari. Arriviamo così ad affrontare la Serbia con la possibilità – in caso di vittoria – di qualificarci come primi del girone: un epilogo inaspettato, viste le burrascose premesse. I balcanici sono però di ben altra opinione e giocano una grande partita, relegandoci al terzo posto a pari punti con Spagna (2°) e Turchia (4°). Gli accoppiamenti ci assegnano Israele agli ottavi e dentro di noi qualcosa esulta: il nostro lato del tabellone appare come il meno ostico. Vuoi vedere che riusciamo davvero a fare l'impresa? I trenta punti rifilati alla nazionale di David non fanno che alimentare il fuoco dell'illusione: adesso ci tocca la Lituania, nazionale dalla tradizione a dir poco invidiabile ma non esattamente nel suo miglior momento di forma. O così credevamo. Lasciamo a voi decidere se sia merito dei Lituani o colpa degli Azzurri, sta di fatto che arriviamo nuovamente in parità all'ultimo possesso. Palla in mano all'Italia e 9 secondi sul cronometro: loro difendono bene, noi pasticciamo.

Overtime.
Di nuovo.
Nei 5 minuti supplementari i Baltici segnano 16 punti.
Noi 6.
Il referto è impietoso: Italia fuori dalla top 4 d'Europa e costretta a lottare per un posto nei tornei preolimpici che assegneranno gli ultimi "biglietti" per Rio 2016. Praticamente, ci svegliamo bruscamente dal dolce sogno del podio per ritrovarci nell'incubo dei gironi a causa di una partita che sembra uscita dalla peggiore delle fantasie oniriche. Di nuovo, non c'è il tempo materiale per metabolizzare il risultato: dopo meno di 24 ore siamo in campo per giocarci il pass pre-olimpico. La prima tappa per arrivare a Rio de Janeiro passa per la Repubblica Ceca (non prendetevela col navigatore) che viene liquidata con un +15 maturato in larga parte nel terzo quarto, vero momento topico di ogni vittoria azzurra che si rispetti. L'Europeo italiano si conclude quindi con una "finalina" ben distante dai riflettori che ci si aspettava alla vigilia. La Lituania ha continuato a smentire i bookmakers battendo la temibile Serbia e arrendendosi solo in finale contro gli spagnoli, trionfatori del torneo e a loro volta autori di una grande semifinale contro la quotatissima Francia. La delusione in fondo sta più in questo che nel risultato finale: nessuno può affermare che l'etichetta di quinta potenza continentale ci stia stretta, ma sicuramente la Lituania era più che alla nostra portata. La Nazionale ha mostrato tante luci quante ombre in questa competizione che i più vedevano come la "volta buona" per riportare il colore azzurro nel gotha internazionale, da cui manca dall'argento olimpico di Atene 2004 - ovvero 11 anni fa (QUI il video della partita contro la Lituania). Le premesse c'erano tutte: squadra unita, talento individuale, nessun infortunio e tanta, tanta fame di successo. C'è da sperare che questi fattori non scompaiano di qui alle Olimpiadi -nessuno degli Azzurri è a fine carriera- ma Rio la faccenda sarà più "aleatoria": la fortissima nazionale Statunitense -se incontrata all'inizio della fase ad eliminazione diretta- potrebbe falsare la classifica finale, annichilendo potenziali aspiranti al podio.

 12048700 10206877967180308 816932242 n

 

 

 

flag lithuaniaLa Lituania adotterà l'Euro a partire da Gennaio 2015, previa approvazione del Consiglio europeo a fine luglio. L'approvazione è frutto della crescita lituana degli ultimi anni, con un Pil pro-capite che è passato dal 35 al 75% in vent'anni, e della grande stabilità dimostrata nel settore finanziario e legislativo, dovuta a valide riforme economiche e politiche di bilancio prudenti.
Criteri di convergenza previsti da Maastricht per entrare a far parte dell'unione monetaria:

 

Lituania

Limite Consentito

Inflazione (12 mesi)

0,6%

1,7%

Deficit

2,1%

3%

Debito Pubblico

39,4%

60%

Tassi Interesse LT

3,6%

6,2%

Lista degli Stati che vogliono entrare nell’eurozona, ma che ne sono ancora esclusi perché non rientrano nei criteri: Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Ungheria, Polonia, Romania e Svezia.