Grandi Temi

25
Gennaio

Il Giubileo: tra storia e curiosità

Scritto da 

A cura di Letizia Intini

 

giubL’8 dicembre Papa Francesco ha dato ufficialmente inizio al Giubileo Straordinario, evento che si concluderà il 20 novembre 2016. L’Anno Santo comincia con l'apertura della porta santa della basilica di San Pietro, la prima di una serie di basiliche le cui porte verranno aperte nei giorni successivi, per accogliere fedeli e pellegrini.

In passato l’apertura della porta santa costituiva un passaggio tanto simbolico quanto complesso: la porta veniva abbattuta parzialmente prima della celebrazione, il Papa rompeva con un martelletto il diaframma lasciato intatto e la demolizione completa spettava ancora agli operai. In occasione del Giubileo del 2000, invece, Papa Giovanni Paolo II introdusse il rito più semplice e immediato, usato ancora oggi, cioè l’apertura dei battenti.

A fronte degli avvenimenti del 2015, Papa Francesco ha definito questo l’Anno “della Misericordia” poiché, usando le sue parole: "È il tempo favorevole per curare le ferite, per offrire la via del perdono e della riconciliazione”.

L'origine del Giubileo

All'inizio dell'anno 1300 a Roma si diffuse una credenza popolare secondo la quale chi si fosse recato a pregare nel primo anno di ogni secolo sulla tomba di San Pietro, si sarebbe procurato l'indulgenza plenaria. Nel linguaggio ecclesiastico questa espressione indicava la cancellazione di tutti i peccati e delle sofferenze penitenziali che i fedeli avrebbero dovuto scontare dopo la morte in Purgatorio.

Un altro evento storico rilevante la “Perdonanza” istituita da Papa Celestino V il 29 settembre 1294; con la Bolla del Perdono, egli stabilì che recandosi nella chiesa di Santa Maria di Collemaggio nella città dell'Aquila veniva concessa per due giorni l'indulgenza plenaria a tutti i confessati e pentiti. La Perdonanza, che si ripete tuttora, ha in comune con il Giubileo l'indulgenza in cambio del pellegrinaggio.

Fu il successore di Celestino V, Bonifacio XVIII, a indire il primo giubileo della storia della chiesa nel 1300. Era prevista l'indulgenza plenaria a tutti coloro che avessero fatto visita (30 volte, se fedeli romani, e 15 se stranieri) alle Basiliche di San Pietro e San Paolo, per tutta la durata dell'anno; questo Anno Santo si sarebbe dovuto ripetere in futuro ogni 100 anni.

Per questo straordinario evento l'afflusso di pellegrini a Roma fu tale cdanhe divenne necessario regolamentare il senso di marcia dei pedoni sul ponte di fronte a Castel Sant'Angelo. Anche Dante rimase colpito dalla fiumana di fedeli e dal doppio senso della circolazione: da un lato i pellegrini andavano verso San Pietro; dall’altra , tornando da San Pietro, avevano la fronte verso il Monte Giordano. Nella Divina Commedia (Inferno XVIII 33) infatti si legge: «come i Roman per l'esercito molto, l'anno del giubileo, su per lo ponte hanno a passar la gente modo colto, che da l'un lato tutti hanno la fronte verso 'l castello e vanno a Santo Pietro, da l'altra sponda vanno verso 'l monte.».

Questo primo Giubileo, secondo alcuni storici, venne istituito, non solo a fini religiosi ma anche politici ed economici, per cercare di rimpinguare le finanze pontificie. Il flusso di denaro fu notevole, ma il Papa ebbe la grossa delusione di non ricevere l'omaggio dei sovrani d'Europa, disilludendo di fatto le sue aspettative.

Il nome Giubileo trae la sua origine dall’Antico Testamento. Designava l’anno cinquantesimo, anno in cui la legge degli antichi Israeliti imponeva il riposo della terra (con lo scopo pratico di rendere più forti le successive coltivazioni), la restituzione delle terre confiscate e la liberazione degli schiavi. Per segnalare l'inizio di questo anno si suonava un corno di ariete, in ebraico “jobel”, da cui deriva il termine cristiano Giubileo.

Fiat Lux, tra critiche e apprezzamenti…

giubileo-fiat-lux016-1000x600Fiat Lux è lo spettacolo di luci che ha proiettato sulla basilica e sulla cupola di San Pietro, la sera dell'otto dicembre, scene di animali e di paesaggi naturali in riferimento tanto all'enciclica del Papa Laudato si' quanto al vertice sul clima che si dovrebbe chiudeva lo stesso giorno a Parigi. Padre Federico Lombardi, portavoce vaticano, ha dovuto rispondere alla varie critiche che ha suscitato lo spettacolo. Tra queste, Antonio Socci su Libero: "o zoo di Bergoglio sfregia San Pietro nel nome del clima", Giuliano Ferrara sul Foglio: “Il Vaticano svuotato di folla fa di San Pietro un giocoso maxischermo per una pantomima animalista e naturalista che lo inchioda al peggio delle ideologie contemporanee", La nuova bussola quotidiana: "San Pietro caduta nelle mani dei neo-pagani" e Riscossa cristiana: "Il cupolone violato. Uno show anticristiano a San Pietro previsto per il giorno dell'immacolata".

 

 


I Giubilei più curiosi

Il Giubileo del 1450 fu detto "Giubileo dei Santi" poiché furono presenti, fra i pellegrini, figure importanti della Chiesa, poi divenuti santi: Giovanni da Capestrano, Pietro Regalado, Diego d'Alcalá e la futura Santa Caterina da Bologna. Fu detto anche il "Giubileo d'oro" perché vi affluì moltissimo denaro e tra gli artisti che lavoravano a Roma ci fu il Beato Angelico.

Nel 1600 papa Clemente VIII serviva personalmente i dodici poveri che quotidianamente venivano scelti come ospiti alla sua mensa.

Nel 1650 papa Innocenzo X ebbe come direttrice dei lavori giubilari Olimpia Pamphili, sua cognata.

Il Giubileo del 1700 fu aperto da papa Innocenzo XII e chiuso da papa Clemente XI poiché il primo Pontefice era deceduto.

Nel 1875 papa Pio IX, dopo la dissoluzione dello Stato Pontificio (1870), non aprì la Porta Santa e si recluse nei Palazzi Vaticani. Le forze avverse al Papa organizzarono a Roma un "giubileo dei folli”: scesero in strada uomini e donne vestiti da cardinali e guardie svizzere che conclusero l’anno con una processione blasfema.

1925 papa Pio XI indisse un "Giubileo della pace" dopo gli eventi della Prima guerra mondiale e parlò ogni giorno ai pellegrini. Fu chiamato "Papa missionario".

Giovanni Paolo II indisse due Giubilei, uno nel 93 e uno nel 2000.

Questo è il 30esimo Giubileo dal 1300.

Leggi anche...