esteri

van der Bellen 2Alexander Van der Bellen ha vinto le elezioni presidenziali in Austria con il 50,3% dei voti. Sono questi i risultati ufficiali comunicati dal ministero degli Interni. Van der Bellen ha staccato il candidato ultranazionalista Norbert Hofer di 31.026 voti. Il verde, di posizioni politiche più moderate, è stato eletto con 2.254.484 voti (il 50,35%), mentre il suo rivale ha ricevuto 2.223.458 voti (49,65%).

 

FONTE 1

 

austraiSarà annunciato oggi l'esito definitivo delle elezioni presidenziali che hanno avuto luogo in Austria nella giornata di ieri. Le ultime stime pubblicate ieri sera vedono il partito del giovane nazionalista Hofer in vantaggio del 51,9% sul suo rivale, Van der Bellen. "I verdi", nome del partito dell'ecologista Bellen, potrebbero però rovesciare la situazione in seguito allo scrutinio dei voti per posta. Sono circa 800 mila, infatti, i cittadini austriaci che hanno espresso la propria preferenza per corrispondenza e i loro voti saranno scrutinati nella giornata di oggi. Tuttavia, nel primo turno di elezioni, il partito FPO, facente capo a Hofer, ha subito un forte calo di consensi nella votazione per posta, perdendo oltre il 10% dei voti. Per questo motivo, data la situazione di sostanziale parità in cui vertono al momento i sondaggi (i voti finora scrutinati danno, come detto, 51,9% contro 48,1%) ogni voto potrebbe essere importante per rimescolare le carte.

 


FONTE 1FONTE 2

 

imagesCrisi politica in Austria. Dopo il trionfo dell'ultradestra, il cancelliere Werner Faymann, socialemocratico, si dimette da capo del governo per "mancanza di sostegno". Elezioni presidenziali vedono per la prima volta escluse dal ballottaggio i socialdemocratici e i popolari, le grandi forze al potere del Dopoguerra. Il 22 maggio si sfideranno Norbert Hofer, candidato dell'estrema destra, e l'indipendente ecologista Alexander Van der Bellen. Il Partito della libertà di Hofer, la Fpö, ha infiammato il dibattito sull'immigrazioni assumendo toni xenofobi. L'emergenza migranti è un tema concreto in Austria, che l'anno scorso ha ricevuto 90mila richiesta d'asilo. Faymann si dimette per avere tempo per riflettere, nei giorni scorsi ha subito varie pressioni dai sindacati e dall'ala giovanile del partito.

Fonte uno

Pagina 1 di 6