esteri


EASY NEWS 15 Novembre 2016

Scritto da 

Terremoto centro-Italia: tornano a scuola i ragazzi di Norcia


terremotoIeri mattina a Norcia i ragazzi delle superiori hanno ripreso l'attività scolastica. Dopo il forte terremoto dello scorso 30 ottobre, la regione si è attivata per allestire un prefabbricato alle porte della città. All'interno, le aule erano già pronte per la ripresa delle lezioni. Sui banchi anche uno zaino per fornire ad ogni studente il materiale necessario alla ripresa dello studio. «Siamo contenti di aver reagito in fretta e con l'aiuto delle istituzioni statali» – ha dichiarato la presidente della regione Umbria. «Ritornare a scuola è un segno di normalità e speranza. Vuol dire ripartire per il futuro». All'inaugurazione erano presenti anche il ministro dell'istruzione Giannini e il sindaco Alemanno.


FONTE


Trump: ondata di polemiche sulla nomina di Steve Bannon

trumpContinuano le polemiche in America in seguito all'elezione di Donald Trump. Negli scorsi giorni centinaia di manifestanti sono scesi in piazza nelle maggiori città degli States al grido di "Not my president". Adesso, una nuova ondata di polemiche si sta scagliando contro la casa Bianca. A scatenarle, questa volta, sarebbe stata la decisione del neo-presidente di nominare Steve Bannon a capo del consiglio di strategia del presidente Trump. Bannon è presidente di un'importante rivista americana, Breitbart News, che si occupa di giornalismo politico seguendo una linea conservatrice. È stato imprenditore, speaker radiofonico e per un periodo anche manager della Goldman Sacks. I suoi detrattori lo dipingono come razzista e xenofobo e considerano il suo sito un giornale di propaganda etnica e ultranazionalista. A ribellarsi, in particolare, sono state le comunità ebraiche e musulmane, secondo cui, con Bannon tra i consiglieri del presidente, Trump «non potrà mai essere un presidente per tutti».


FONTE


Arrestato reclutatore Isis in Italia: arruolava nuovi soldati per mandarli nelle zone di guerra


isisSi chiama Moez Fezzani, 47 anni, militante di Al Qaida in Afghanistan. Ieri mattina è stato arrestato in Sudan dopo un'operazione di oltre 2 anni da parte delle agenzie di intelligence italiane. Tra il '97 e il 2001, infatti, avrebbe fatto parte di una cellula terroristica stanziata a Milano, con l'obiettivo di reclutare nuovi miliziani da inviare nei paesi di guerra. Catturato prima in Pakistan, era stato poi estradato in Italia per il processo, dove nel 2012 viene assolto in primo grado e espulso dall'Italia. Da quel momento se ne perdono le tracce. Prima in Tunisia, poi in Libia. Nel 2013 cerca di raggiungere la Siria. Poi, nel 2014, la condanna definitiva: 5 anni e 8 mesi di reclusione, per associazione a delinquere con finalità di terrorismo. Adesso, finalmente, la caccia è finita. Si tratta di un'operazione importante per le forze governative internazionali, considerando che Fezzani faceva parte di una delle più organizzate associazioni-satellite dipendenti da Al Qaida.


FONTE


Rapporti Cina-Usa: prima conversazione telefonica tra Trump e Xi


jinpingLe prime prospettive sull'elezione di Trump lasciavano non pochi dubbi in merito all'atteggiamento da tenere nei confronti della potenza cinese. Durante la fase di candidatura e propaganda, infatti, Trump avrebbe dichiarato, tra le altre cose, la sua intenzione di dichiarare guerra commerciale alla Cina. Questo significherebbe annullare ogni rapporto economico tra le due nazioni, tagliando ogni linea di scambio commerciale e finanziaria. Adesso, forse, le cose sembrano cambiare. Secondo quanto riferito dalla televisione cinese, ieri i due presidenti hanno tenuto una prima conversazione telefonica. Sembrerebbe che Xi Jinping, il presidente cinese, abbia sottolineato la necessità di portare avanti una cooperazione bilaterale. I fatti hanno provato – avrebbe riferito il presidente – che una stretta vicinanza tra le due potenze economiche è l'unica via corretta da intraprendere. I due avrebbero inoltre espresso l'impegno a tenere stretti i contatti e incontrarsi di persona il prima possibile per discutere gli argomenti di interesse comune.


FONTE