cronaca

papa giubileoNella tappa più attesa del suo viaggio apostolico, Papa Francesco ha aperto la Porta Santa della cattedrale di Bangui (Repubblica Centrafricana), di fatto anticipando l'inizio del Giubileo straordinario della Misericordia per la Repubblica Centrafricana e l'Africa. "Bangui diviene la capitale spirituale del mondo" ha dichiarato il Papa, aggiungendo: "chiediamo la pace per tutti i Paesi del mondo". Il pontefice, durante l'incontro con le autorità (tra le quali la presidente Catherine Samba-Panza) ha poi fatto suo il motto del Paese, "Unità-dignità-lavoro", sottolineando come l'unità spinga ad evitare "la tentazione della paura dell'altro".


L'apertura della porta Santa segna l'inizio dell'anno giubilare. Fu Papa Martino V ad aprire per la prima volta (munito di martelletto d'argento) quella di S. Giovanni in Laterano nel 1423. Fino al '75, le Porte Sante erano murate sia all'interno che all'esterno: ora ad essere murata è solo la parte interna. Curiosità: i mattoni che rivestono attualmente la Porta Santa di S. Pietro hanno impresso il nome del Papa che ha indetto l'ultimo anno Santo. Nell'intercapedine, una pergamena e alcune monetine, che rievocano l'anno di pontificato in cui fu celebrato l'ultimo Giubileo (2000).

FONTE 1 FONTE 2

 

kellyNella notte italiana è stata praticata l'iniezione letale a Kelly Renee Gissandaner, 47enne detenuta nel carcere della Georgia e accusata di aver ucciso il marito. Più volte era stata chiesta la grazia per Kelly, la prima donna giustiziata in Georgia da 70 anni: gli stessi figli l'avevano perdonata e avevano chiesto di fermare la condanna e anche Papa Francesco, con una lettera, aveva chiesto la grazia, invano.

 

 

 

 

 

 

 

 


Non si fermano negli USA le condanne capitali: solo nella prossima settimana ne sono previste due, in Oklahoma e Virginia.

FONTE

"Vergogna" per gli abusi sessuali : queste sono state le parole del Papa dinnanzi ai vescovi ospiti dell'Incontro mondiale delle famiglie, a Filadelfia che chiude il viaggio del Pontefice a Cuba e negli Stati Uniti. Francesco ha promesso "che tutti i responsabili degli abusi sessuali sui minori saranno puniti" sottolineando che "questi crimini non possono essere mantenuti in segreto per tanto tempo". Il Papa ha incontrato a Filadelfia un gruppo di vittime della pedofilia da parte di membri del clero o di membri delle loro famiglie o loro educatori. Si è trattato di cinque persone adulte - tre donne, due uomini - che hanno subito abuso quando erano minori di età; ognuno di essi era accompagnato da un familiare o persona di sostegno. Oltre a sottolineare il suo impegno nei confronti delle vittime di pedofilia il Papa ha sottolineato come la "Vita non sia solo ricerca 'mi piace' e 'followers'". "Oserei dire, ha sottolineato, che una delle principali povertà o radici di tante situazioni contemporanee consiste nella solitudine radicale a cui si trovano costrette tante persone". "Inseguendo un 'mi piace', inseguendo l'aumento del numero dei 'followers' in una qualsiasi rete sociale, così le persone seguono la proposta offerta da questa società contemporanea, ha osservato.

FONTE

Pagina 4 di 8