cronaca

san camilloÈ avvenuto la scorsa notte nel reparto Maroncelli dell'ospedale San Camillo di Roma: un uomo di 65 anni, di origine moldava, è morto tra le fiamme che si sono sviluppate all'interno della stanza in cui era ricoverato. A dare l'allarme sarebbe stato il suo compagno di letto, una volta viste le fiamme. I primi ad accorrere sono stati un'infermiera e alcune guardie giurate, ma per l'uomo ormai non c'era più niente da fare. Ulteriori sopralluoghi saranno effettuati per chiarire l'origine dell'incendio. Al momento non si esclude nessuna pista. L'uomo, ricoverato in seguito ad un'operazione di amputazione a un piede, non era attaccato a macchinari elettronici e nella stanza non erano presenti bombole d'ossigeno. Non si esclude che il fuoco possa essere scaturito a causa di una sigaretta. In misura preventiva la direzione dell'ospedale ha deciso di evacuare tutto l'edificio.

 


FONTE

garroneÈ deceduto ieri, all'ospedale di Milano, il noto attore italiano Riccardo Garrone, 90 anni il prossimo 11 novembre. La sua lunga carriera vanta collaborazioni con registi del calibro di Fellini (in "La dolce vita" e "Il bidone"), Ettore Scola, Luigi Zampa, Mario Monicelli e molti altri. Nacque a Roma, compiendo gli studi superiori presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico". Durante un'intervista, dichiarò di essersi iscritto all'accademia perché tutti quelli che andavano a mangiare nella trattoria della nonna gli dicevano «che uno così bello poteva solo fare l'attore». Intervallando il lavoro sul grande schermo con numerose opere teatrali, Riccardo Garrone intraprese anche la carriera da doppiatore, fino ad approdare in televisione. Nel 1998 interpreta il ruolo di Nicola Solari nella serie televisiva "Un medico in famiglia", mentre negli ultimi anni lo si ricorda soprattutto per il ruolo di San Pietro nello spot italiano di una nota marca di caffè. La presenza imponente e i lineamenti gentili, accanto ad una recitazione elegante e raffinata, lo portarono a interpretare spesso il ruolo del giovane garbato e di buona famiglia, a volte un po' furbo o disonesto. Ed è così, come uno dei più famosi gentleman dello spettacolo, che il pubblico italiano lo ricorderà sempre.

 


FONTE 1FONTE 2

giulioGiulio Regeni, ventottenne dottorando friulano che stava svolgendo delle ricerche in Egitto e di cui si erano perse le tracce dal 25 gennaio, è stato ritrovato morto alla periferia del Cairo. Nonostante il tentativo delle autorità locali, in un primo momento, di minimizzare la vicenda parlando di un incidente, i segni di violenza rinvenuti sul corpo del ragazzo lasciano sospettare che si sia trattato di un omicidio. Alcune fonti, sebbene non ufficiali, parlano di un possibile movente politico: Regeni, nella capitale egiziana, si occupava di sindacati e scriveva per "Il Manifesto" sotto mentite spoglie per tutelare la sua incolumità. Un team della Farnesina si è recato nelle scorse ore proprio al Cairo per chiarire la vicenda.

 

FONTE 1

Pagina 1 di 4